Max Mugelli torna da Misano visibilmente soddisfatto del risultato ottenuto.
In questa occasione il pilota toscano non è salito sul podio come a Valencia, ma i due quarti posti conquistati non solo dimostrano la grande consistenza e regolarità di Max, ma gli permettono anche di conquistare con pieno merito la seconda posizione in classifica generale.
Determinante è stata la concentrazione che il pilota toscano ha mantenuto per tutto il fine settimana, senza commettere errori o sbavature che ad altri concorrenti sono costate care. Del resto, la capacità di andare forte, mantenere un ritmo sostenuto con una guida pulita e senza errori è una tra le tante qualità che Max ha dimostrato in anni e anni di carriera. In tutto il weekend è incappato in un solo track limit!
Sia in gara 1 che in gara 2 Max ha ottenuto il quarto posto, maturati però in maniera leggermente diversa.
Nella prima delle due gare Max scatta dal settimo posto che mantiene nelle prime concitate curve dopo il semaforo verde. Un incidente nelle retrovie costringe però la direzione gara a fare entrare la safety car. Alla ripartenza Max mantiene la propria posizione e supera successivamente Gostner, in quel momento il leader della categoria Pro AM, che per qualche giro lo ha rallentato. Con pista libera di fronte a sè, Max riesce a tenere il ritmo del gruppetto dei primi, ma senza superare i limiti della pista e incappare in nessun track limits, cosa che invece fanno ripetutamente l’ex pilota di F1 Sutil e Valint di fronte a lui. I due driver verranno per questo puniti dalla direzione gara con una penalità che permette al nostro Max di salire ad un meritato quarto posto finale.
Il quarto posto di Gara 2 avrebbe forse potuto essere migliore se Max fosse riuscito a partire un pò più avanti rispetto al sesto posto, ma nella sessione di qualifiche della matttina il suo giro migliore (che potenzialmente lo avrebbe portato in seconda fila visto il vantaggio sino al secondo settore) è stato purtroppo vanificato da una bandiera rossa.
Gara 2 è stata caratterizzata da un accesissimo duello, inquadrato a lungo dalla telecamere, che ha visto protagonista proprio il nostro Max e l’ex pilota di Formula Uno Adrian Sutil. Una battaglia dura ma corretta: peccato che a prevalere sia stato Sutil, autore di un bel sorpasso propiziato da una piccola disattenzione di Max, che per un attimo ha “perso” il rivale negli specchietti. Molto bello l’applauso che sia il pubblico che gli addetti ai lavori hanno riservato ad entrambi i piloti per lo spettacolo offerto e la correttezza in pista. Un duello d’altri tempi!

Max Mugelli
“Sono felice di avere conquistato a Misano due risultati importanti che mi proiettano in seconda posizione in classifica generale nel Trofeo Pirelli PRO. Non sono riuscito a salire sul podio, ma i due quarti posti mi lasciano molto soddisfatto e mi fanno capire di essere sulla strada giusta.
Se proprio devo cercare qualcosa che è andato storto, mi viene da pensare alla bandiera rossa che ha fermato il mio giro migliore in qualifica 2: avrei potuto ottenere potenzialmente il terzo tempo e dunque partire in seconda fila, sarebbe stata una gara diversa con la possibilità concreta di salire sul podio.
Ho rivisto più volte in TV il bel duello con Sutil in gara 2 e mi fa piacere aver regalato a tifosi e semplici appassionati questo spettacolo, credo si siano tutti divertiti a guardarci lottare per il quarto posto: mi dispiace avere perso il duello a poche curve dall’ingresso della safety car che poi ha congelato la gara sino alla fine!
Ho commesso una piccolissima sbavatura e per un momento ho perso di vista Sutil che è stato bravo a incrociare la traiettoria e a sorpassarmi. In ogni caso lottare contro un pilota del suo calibro, che per sette anni ha calcato il palcoscenico della Formula Uno, mi conferma che in questa stagione siamo in grado di giocarcela con chiunque!
Insieme al mio ingegnere abbiamo inoltre capito quale sono i dettagli da migliorare in vista della prossima gara in Austria, per potere puntare ancora più in alto.
Vorrei condividere la gioia del secondo posto in classifica generale dopo quattro gare dall’inizio del campionato con tutto il Team Eureka Competition supportato tecnicamente da D&C Racing di Maranello: insieme stiamo facendo un ottimo lavoro e riusciamo a competere con team decisamente più blasonati rispetto al nostro. Non è però tempo, come si suole dire, di crogiolarsi sugli allori: fra due settimane circa saremo già in Austria per il terzo appuntamento del Ferrari Challenge Europe ed è già ora di prepararsi e mettersi al lavoro!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui