Il Bisonte Firenze ospita a Palazzo Wanny la Reale Mutua Fenera Chieri ’76 per l’undicesima giornata della Serie A1 Tigotà. Le bisontine, dopo due trasferte consecutive e zero punti conquistati, vogliono provare a tornare al successo davanti al proprio pubblico. La Reale Mutua Fenera Chieri ’76 è una delle squadre più in forma nel massimo campionato, che è risalita in quinta posizione a quota 18 punti e che in Europa giovedì scorso ha sbrigato velocemente la pratica Železničar, qualificandosi per i play off di Coppa Cev.

Le ex della sfida sono tre, dove tra le file della Reale Mutua ci sono Fatim Kone, bisontina nell’annata 2020/21, e Ofelia Malinov, protagonista con la maglia de Il Bisonte nella seconda metà della scorsa stagione. Sul fronte Firenze troviamo Alessia Mazzaro, che ha giocato a Chieri nelle ultime quattro stagioni, vincendo anche una Challenge Cup.

I precedenti fra le due squadre sono undici, con sette vittorie per Il Bisonte e quattro per la Reale Mutua.

In vista del nuovo appuntamento di campionato, Carlo Parisi analizza le avversarie –

“La partita contro Chieri riveste un ruolo fondamentale per noi, soprattutto alla luce della sconfitta di domenica scorsa con Vallefoglia: è molto importante tornare a fare punti perché ultimamente ne abbiamo persi qualcuno di troppo, a volte per meriti degli avversari e a volte per demeriti nostri.

Domenica dovremo giocare una partita aggressiva sia dal punto di vista fisico che mentale, perché Chieri è una squadra che sta crescendo molto e noi abbiamo l’obbligo di mettere in campo tutto quello che abbiamo: in questo momento il calendario non ci aiuta, ma dobbiamo smuovere la nostra classifica, se poi i punti che conquisteremo ci permetteranno di entrare in Coppa Italia, ancora meglio. Intanto pensiamo a fare il massimo contro la Fenera, una squadra che sta crescendo partita dopo partita e che ha recuperato tutte le giocatrici: hanno un organico di tutto rispetto, ci aspetta un match difficile nel quale dovremo mettere tutto quello che è nelle nostre possibilità, o anche di più”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui